TREVISO
Francesca muore 4 ore dopo il parto, giallo a Treviso: due audit per ricostruire la vicenda
Francesca muore 4 ore dopo il parto, giallo a Treviso: due audit per ricostruire la vicenda

TREVISO - ​Francesca Schirinzi è morta quattro ore dopo aver dato alla luce il suo secondo figlio, un maschietto, nato sano e vitale. L'estetista di 34 anni, originaria della provincia di Lecce, ma residente con il marito Antonio Giordano ad Annone Veneto, nel Veneziano, si è spenta all'alba di ieri in sala operatoria, all'ospedale di Oderzo. Un paio di minuti dopo il parto, avvenuto naturalmente, all'1.41 della notte, la donna è stata colpita da un arresto cardiaco. Rianimata, è stata sottoposta a una serie di accertamenti per verificare la situazione a livello cerebrale, toracico e addominale. Contemporaneamente, l'emorragia si è estesa, e a nulla è valsa la massiccia trasfusione di sangue.

Ginecologo stupra una 13enne e trasmette la violenza in diretta streaming: condannato a 37 anni

«Alle 5,55, nonostante tutte le terapie messe in atto, in seguito a un terzo arresto cardiaco e dopo circa un'ora di manovre rianimatorie, si constatava il decesso della paziente». 

COSA E' ACCADUTO? 
In relazione al caso della 34enne, la direzione medica comunica che, al fine di ricostruire in modo dettagliato quanto accaduto, nella giornata odierna sono in programma due audit, uno interno e uno esterno, con i referenti regionali del Sistema Sorveglianza della Mortalità Materna - Itoss. Obiettivo dei due incontri sarà l’esatta ricostruzione, con il personale di Ostetricia, di Sala Parto e di Sala Operatoria coinvolto nel caso, della sequenza cronologica dei fatti attraverso una analisi strutturata. Le risultanze saranno discusse nell'ambito del Comitato Regionale per la valutazione dei casi di morte materna. In relazione a quanto accaduto l’Azienda Sanitaria ha attivato il servizio di psicologia ospedaliera per fornire il sostegno eventualmente richiesto dai familiari e dal personale di assistenza.
 

Giovedì 14 Marzo 2019, 15:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it