LA RICERCA
Leonardo avrebbe sofferto di strabismo come la Gioconda
Leonardo Da Vinci

 La profondità che caratterizza i dipinti di Leonardo da Vinci potrebbe essere frutto di un difetto della vista, ovvero una forma intermittente di strabismo (chiamata exotropia) che avrebbe indotto il cervello dell'artista a 'spegnerè in alcuni momenti l'occhio deviato: questo passaggio da visione bioculare a monoculare spiegherebbe la sua abilità nel cogliere i particolari che rendono la tridimensionalità di volti, oggetti e paesaggi, secondo quanto suggerisce lo studio pubblicato sulla rivista Jama Ophthalmology dal neuroscienziato Christopher W. Tyler della City University di Londra.

La ricerca è stata condotta esaminando l'allineamento delle pupille in un autoritratto del genio rinascimentale e nel David del Verrocchio, per cui Leonardo avrebbe posato come modello. Lo studio è stato poi allargato ad altre celebri opere attribuite a Leonardo, come il Salvator mundi e l'Uomo vitruviano, in cui l'artista avrebbe in qualche modo riprodotto il suo stesso difetto visivo. I risultati ottenuti sembrano portare a una diagnosi di strabismo, malattia che diversi studiosi attribuiscono anche alla Gioconda. Come spiega Tyler  «è probabile che lo strabismo intermittente, con l'alternanza di visione 2D e 3D, abbia in qualche modo reso l'artista più consapevole di quei dettagli che generano tridimensionalità nei dipinti, e ciò potrebbe spiegare perché Leonardo era così attento a dare l'impressione della profondità nelle sue opere».

Giovedì 18 Ottobre 2018, 19:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it