NEW YORK
New York, Guggenheim e Metropolitan bloccati da proteste contro farmaco accusato di causare overdose letali
New York, Guggenheim e Metropolitan bloccati da proteste contro farmaco accusato di causare overdose letali

Una pioggia di foglietti di carta dall'ultimo piano del Guggenhiem, magnifico capolavoro di Frank Lloyd Wright,  e poi  sit in davanti al Met bigliettini: a New York la protesta arriva nei templi dell'arte  con false pillole e false ricette mediche. La fotografa Nan Goldin e un gruppo di manifestanti infatti hanno bloccato Guggenheim e Metropolitan Museum per protestare contro i legami delle due istituzioni con la famiglia Sackler: mecenati delle arti, ma anche proprietari della casa farmaceutica che da quasi trent'anni produce l'OxyContin, il potente antidolorifico al centro della letale epidemia di overdose che ogni anno uccide decine di migliaia di persone in America. La Goldin - lei stessa ha rischiato di morire dopo che le era stato prescritto l'OxyContin - e gli altri manifestanti hanno cantato slogan contro i Sackler e distribuito false boccette di pillole, mentre dall'ultimo piano della rotonda di Frank Lloyd Wright piovevano foglietti di carta: finte ricette mediche che prescrivevano l'antidolorifico. La protesta si è poi spostata al Met che ha un'intera ala intitolata alla famiglia proprietaria di Purdue Pharma.

Domenica 10 Febbraio 2019, 17:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it