MEDICINA DIFFICILE
Tumore allo stomaco, niente rimborsi per gli integratori e per monitorare la glicemia
Tumore allo stomaco, niente rimborsi per gli integratori e per monitorare la glicemia

Non c'è rimborsabilità per gli integratori per i pazienti colpiti da tumore ai quali è stato asportato lo stomaco. E l'Emilia-Romagna è l'unica Regione italiana dove è prevista la rimborsabilità dei sensori per il monitoraggio della glicemia per chi si trova in queste condizioni per colpa del tumore gastrico. Questo è un presidio necessario perché la glicemia nell'arco della giornata ha sbalzi spesso molto consistenti che possono portare a crisi ipoglicemiche gravi. Così l'associazione "Vivere senza stomaco si può", in occasione del suo quarto convegno nazionale, a Roma, chiede che si guardi agli esempi regionali virtuosi e soprattutto che sia accolto l'emendamento alla legge di bilancio della senatrice Paola Boldrini, che prevede un rimborso di 11 milioni di euro per supporti nutrizionali per i pazienti con tumore allo stomaco che abbiano avuto una resezione gastrica.

Tumori, consumare latte e formaggi riduce il rischio di ammalarsi

Artrite e diabete si curano insieme, arriva la “terapia per due”

 





Secondo Claudia Santangelo, presidente dell'associazione,
«gli integratori rappresentano un presidio fondamentale per la nutrizione delle persone che hanno subito una gastrectomia perché in grado di consentire un equilibrato e corretto apporto di nutrienti anche in assenza totale o parziale dello stomaco. Tuttavia vi è ancora un trattamento differenziato da Regione a Regione che di fatto discrimina i pazienti a parità di condizione».

Secondo una stima dell'Associazione italiana registro tumori, sono oltre 3.000 i pazienti esclusi dalla rimborsabilità degli integratori su territorio nazionale. «La nostra associazione lancia perciò un appello per chiedere che le differenze regionali vengano superate per garantire a tutti i malati omogeneità ed equità di accesso alle cure e soprattutto il diritto a una nutrizione controllata dopo la chirurgia - aggiunge - Per questo l'approvazione dell'emendamento presentato dalla senatrice Paola Boldrini costituirebbe per noi una vera rivoluzione».

E i pazienti denciano di essere abbandonati dopo l'intervento, senza assistenza nutrizionale (per loro ancora piu' importante che per altri pazienti) e con un carico molto alto di spese. In Italia ci sono oltre 14mila nuovi casi di tumore allo stomaco ogni anno, con un totale di circa 80mila malati. La malattia è al quinto posto per incidenza, ma la sopravvivenza a 5 anni arriva appena al 32%, soprattutto a causa delle molte diagnosi tardive. Stefania Gori, presidente della Fondazione Aiom e direttore dell'oncologia medica dell'Irccs Sacro Cuore Don Calabria di Negrar sottolinea come sia "importante" che le linee guida nazionali sul carcinoma gastrico «vengano implementate nella pratica clinica: tali percorsi rappresentano le loro modalità applicative».  

Martedì 26 Novembre 2019, 23:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it