LA RICERCA
Prostata ingrossata, l'obesità aumenta il rischio fino al 40% di ipertrofia benigna
Prostata ingrossata, l'obesità aumenta il rischio fino al 40% di ipertrofia prostatica benigna

Prostata ingrossata, l'obesità può aumentare fino al 40% il rischio di sviluppare l'ipertrofia prostatica benigna, una malattia che colpisce più di 6 milioni di italiani over 50. Ma ancora sottostimata, nonostante sia caratterizzata da sintomi evidenti: necessità di alzarsi più volte durante la notte per urinare, urgenza di vuotare la vescica in modo frequente anche durante il giorno con una sensazione di mancato svuotamento.

Influenza 2019, a letto 341mila italiani: il virus è quasi da epidemia

Adolescenti drogati di smartphone, il 41% lo usa per più di 3 ore al giorno

 





Troppi pazienti si rivolgono all'urologo solo quando i segnali sono presenti già da tempo e ben il 75% abbandona le terapie dopo alcuni mesi. Per arrestare l'incremento progressivo della patologia, è necessario agire in due direzioni: da un lato, sensibilizzare gli uomini sull'importanza di seguire una dieta sana e praticare attività fisica costante. Soprattutto al Sud, dove sovrappeso e obesità rappresentano una vera e propria epidemia: interessano il 50,9% della popolazione in Campania, il 48,4% in Calabria e il 46,6% in Sicilia. Dall'altro lato, è essenziale agire quanto prima con farmaci efficaci, come l'estratto esanico di Serenoa repens, per combattere l'infiammazione che è all'origine della malattia. 

 
«La sindrome metabolica, condizione che implica una quantità eccessiva di grasso corporeo a livello addominale (oltre ad aumento della glicemia, ipertensione, alterati valori di colesterolo HDL e trigliceridi nel sangue), è strettamente correlata all'infiammazione che provoca l'ingrossamento della ghiandola prostatica e i conseguenti sintomi urinari - spiega Corrado Franzese, Presidente Siut -. Inoltre l'obesità condiziona negativamente anche la risposta alle terapie. Da qui l'importanza di informare la popolazione sul ruolo degli stili di vita sani. L'urologo del territorio rappresenta il 'front office' della domanda urologica dei cittadini, grazie al link diretto con il medico di medicina generale».

Ne è colpito il 50% degli uomini di età compresa fra 51 e 60 anni, il 70% dei 61-70enni, per arrivare al picco del 90% negli ottantenni. «Nella maggior parte dei casi, sono proprio le compagne a spingere gli uomini a recarsi dallo specialista, perché più inclini a sottoporsi agli esami di prevenzione» afferma Vincenzo Mirone, Direttore della Scuola di Specializzazione in Urologia dell'Università degli Studi di Napoli 'Federico II' -. Nella percezione comune, l'ipertrofia prostatica benigna è vista come un semplice disturbo, con una conseguente diffusa sottovalutazione. Un errore grave e pericoloso, anche perché alcuni sintomi dell'ipertrofia prostatica benigna sono comuni al cancro della prostata. Solo il medico è in grado di arrivare a una diagnosi certa. Se trascurata, l'ipertrofia prostatica benigna può progredire fino a causare ritenzione urinaria con l'impossibilità di vuotare la vescica. La vittima di una prostata che cresce è proprio la vescica. Il rischio è di 'sfiancare' completamente quest'organo e di far soffrire i reni. Ciononostante, solo il 22,4% dei pazienti segue correttamente le terapie»

Venerdì 15 Novembre 2019, 20:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it