MEDICINA
Bambini in vacanza, i farmaci da mettere nella valigia: ecco quelli da non dimenticare
Bambini in vacanza, i farmaci da mettere nella valigia: ecco quelli da non dimenticare

 Non c’è solo il caldo negli incubi delle mamme in vacanza. Sono molte, anzi, le insidie per la salute del bambino alla vigilia del viaggio nelle località di mare e di montagna. Lo conferma il primario di Pediatria dell’Ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba (Como), Gaetano Mariani: «Le domande che le mamme ci rivolgono in questo periodo estivo vanno dai farmaci da portare in vacanza, alla prevenzione del mal d’auto o di mare, dalla corretta esposizione al sole o la prevenzione dei colpi di calore o come affrontare viaggi in aereo, o alle problematiche delle vacanze in montagna o alle insidie dei bagni al mare o in piscina, alle allergie a punture, per finire con le giuste precauzioni per chi va all’estero, con le vaccinazioni da eseguire e le norme di comportamento».

Ecco un dettagliato vademecum per affrontare in tutta serenità le vacanze con i figli piccoli. I farmaci da portare in viaggio
•un antipiretico-analgesico come il paracetamolo o l’ibuprofene. Preferire quelli somministrabili per via orale, facendo attenzione alle supposte perché soggette a cattiva conservazione.
•i sali reidratanti sono utili in caso di vomito e/o diarrea, per evitare la disidratazione. Meglio scegliere le formulazioni in bustine rispetto a quelle liquide: occupano meno spazio e sono più leggeri in valigia.
•un antistaminico in gocce per eventuali reazioni allergiche o per attenuare pruriti conseguenti ad eritema solare. •un farmaco per mal d’auto, nave o aereo. Va bene lo sciroppo o la gomma da masticare.
•una crema antistaminica o cortisonica utile per lenire il bruciore da punture d’insetto.
•alcune fialette di soluzione fisiologica, che possono servire sia per lavaggi nasali sia per detergere una ferita.
•un antisettico per uso topico per disinfettare le piccole ferite;
•farmaci prescritti dal proprio medico di fiducia per patologie croniche o se ci si deve recare in paesi esotici secondo le prescrizioni fornire dall’ufficio turistico relative al paese da visitare.

Se il bambino è affetto da una patologia cronica, occorre accertarsi che i farmaci che utilizza abitualmente siano sufficienti per tutto il periodo di vacanza. Sono utili anche: un prodotto a base di ammoniaca per le irritazioni causate dalle meduse; cerotti e garze di diversa taglia; repellenti per zanzare (ricordatevi di ventilare la stanza dove poi starà il bambino); una zanzariera da applicare sulla culla; un termometro elettronico; una buona crema reidratante per possibili eritemi solari; i prodotti necessari per l’alimentazione di un lattante, se sapete già di non trovarli sul posto. In caso di viaggio aereo, tenere i farmaci di cui si potrebbe avere bisogno nel bagaglio a mano, ma fare attenzione a non avere flaconi di contenuto superiore a 100 ml; in casi particolari il medico di famiglia potrà scrivere una dichiarazione della patologia di cui è affetto il bambino e dei farmaci che deve avere con sé.

Domenica 7 Luglio 2019, 22:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it