MEDICINA
Aids, non è più tabù il trapianto di organi su pazienti con Hiv
Aids, non è più tabù il trapianto di organi su pazienti con Hiv

Sono 34 i pazienti sieropositivi che hanno ricevuto un trapianto nel 2019: in 19 casi si è trattato di un nuovo fegato, in 13 di un rene e in 2 di polmoni. Non solo, aumentano anche le donazioni da sieropositivi ed è assicurata la parità di accesso alle cure. Sono i dati che emergono da un'analisi del Centro nazionale trapianti in occasione della Giornata mondiale contro l'Aids, che si celebra domani. Dal 2002 ad oggi sono complessivamente 485 i trapianti effettuati su persone con Hiv, riferisce il centro: 218 fegati, 143 reni, 9 cuori, 4 polmoni, 1 pancreas, 6 trapianti combinati rene-fegato e 5 rene-pancreas.

«Negli ultimi decenni lo sviluppo delle terapie antiretrovirali ha aumentato considerevolmente la sopravvivenza di chi convive con l'infezione da Hiv, e oggi molti soggetti sieropositivi hanno un'aspettativa di vita paragonabile a quella del resto della popolazione», spiega il direttore del Centro nazionale trapianti Massimo Cardillo. In pratica, oggi con l'Hiv si può vivere, e a lungo: ma più si va avanti con gli anni, più aumenta il rischio di soffrire di un'insufficienza d'organo, e a quel punto l'unica via d'uscita è il trapianto. Una soluzione per la quale in passato l'infezione da Hiv era considerata una controindicazione assoluta. Ma ora non è più così, e non solo i pazienti sieropositivi accedono al trapianto ma, da poco più di due anni, possono addirittura donare i loro organi dopo la morte.

Dal 2017 è attivo un programma sperimentale che permette il trapianto tra donatori e riceventi con Hiv. Sono 7 i centri trapianto finora coinvolti: Varese, Milano Niguarda, Modena, Genova, Ancona, Roma San Camillo e Palermo Ismett. Attualmente l'Italia è l'unico paese dell'Unione europea ad aver avviato formalmente un programma di donazione da persone sieropositive decedute.

Sabato 30 Novembre 2019, 23:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it