MEDICINA
Aids, diminuite le diagnosi ma l'infezione è troppo spesso scoperta in fase avanzata
Aids, diminuite le diagnosi ma l'infezione è troppo spesso scoperta in fase avanzata

 Dopo diversi anni di stallo nel 2018 sono calate decisamente (-20%) le nuove diagnosi di infezione da Hiv, soprattutto grazie all'efficacia delle nuove terapie che portando quasi a zero la presenza del virus nel sangue di chi è in cura lo rende non infettivo. Alle luci sottolineate dal rapporto pubblicato oggi dall'Istituto Superiore di Sanità fanno da contrappunto alcune ombre evidenziate dagli esperti, prima tra tutte la percentuale in aumento di persone che scoprono la propria sieropositività con anni di ritardo.

Nel 2018, scrivono gli esperti del Centro Operativo Aids, sono state segnalate 2.847 nuove diagnosi di infezione da Hiv pari a un'incidenza di 4,7 nuovi casi ogni 100.000 residenti che mette l'Italia lievemente al di sotto della media dei Paesi dell'Unione Europea (5,1 casi per 100.000 residenti). L'incidenza delle nuove diagnosi di infezione da Hiv, sostanzialmente stabile negli ultimi anni, nel 2018 ha avuto un deciso calo del 20%, osservato in tutte le regioni. La riduzione interessa tutte le modalità di trasmissione, sia eterosessuali che Msm (Maschi che fanno Sesso con Maschi) ed è probabilmente da attribuire in modo principale all'efficacia delle terapie antiretrovirali ed alle nuove Linee Guida Terapeutiche che prevedono di iniziare la terapia precocemente dopo la diagnosi.
«Purtroppo continua ad aumentare la quota di persone (57% nel 2018) che scoprono di essere sieropositive molti anni dopo essersi infettate - si legge nel rapporto del Centro Operativo Aids (Coa) - e vengono pertanto diagnosticate quando il loro sistema immunitario è già compromesso; questo è evidentemente l'effetto di una scarsa consapevolezza sulla diffusione ancora ampia di Hiv nel nostro Paese e del rischio che si corre di contrarre l'infezione attraverso rapporti sessuali non protetti».

Le persone che hanno scoperto di essere sieropositive nel 2018 erano maschi nell'85,6% dei casi. L'età mediana era di 39 anni per i maschi e di 38 anni per le femmine. L'incidenza più alta è stata osservata tra le persone di 25-29 anni e 30-39. Per quanto riguarda le modalità di trasmissione nel 2018 la maggioranza delle nuove diagnosi era attribuibile a rapporti sessuali non protetti, che costituivano l'80,2% di tutte le segnalazioni (eterosessuali 41,2%; maschi che fanno sesso con maschi. 39,0%). I casi attribuibili a trasmissione eterosessuale erano costituiti per il 56,1% da maschi e per il 43,9% da femmine. Sempre nel 2018 il 29,7% delle persone con una nuova diagnosi di Hiv era di nazionalità straniera, e tra questi il 53,5% di casi era costituito da eterosessuali. Per quanto riguarda l'Aids, nel 2018 sono stati diagnosticati 661 nuovi casi.

Dal 1982, anno della prima diagnosi di Aids in Italia, al 31 dicembre 2018 sono stati notificati 70.567 casi. A disposizione dei cittadini, ricorda l'Istituto, c'è il Telefono Verde Aids 800 861 061 da lunedì a venerdì dalle 13 alle 18. In occasione della Giornata Mondiale dell'Aids, domenica 1 dicembre, il servizio sarà attivo dalle 10 alle 18. Contro l'Hiv-Aids «non bisogna mai abbassare la guardia: è fondamentale promuoverne l'uso del preservativo in scuole e università.

Anche se i nuovi casi di infezione nell'ultimo anno sono diminuiti in tutto il Paese, il fatto che l'incidenza più alta continui a essere registrata tra i giovani adulti, di età compresa tra i 25 e i 29 anni, ci deve preoccupare» ha detto il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, commentando i dati. Sileri per questo ricorda che c'è già un protocollo d'intesa del 2015 tra il ministero della Salute e il Miur per l'educazione alla salute e alla sessualità in favore degli studenti e dei docenti«. Sulla base di questa intesa, ha concluso
«è già pronta una proposta di linee di indirizzo».

Venerdì 15 Novembre 2019, 19:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it