RICERCA CHOC
Pizza, allarme cartoni velenosi. «Bisfenolo in quelli prodotti all'estero», in Italia è vietato
di Luca Calboni
Pizza, allarme cartoni velenosi. «Bisfenolo in quelli prodotti all'estero», in Italia è vietato

Bisfenolo A o Bpa: questo il nome del composto chimico che si troverebbe in alcuni imballaggi in cartone utilizzati per trasportare del cibo, in particolare la pizza. La denuncia arriva da Il Salvagente, e riguarderebbe anche le confezioni a basso costo che vengono utilizzate nel nostro paese. Il BPA è da tempo nel mirino dell'Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) e in Italia da diverso tempo è proibito il suo utilizzo nei contenitori alimentari: sembrerebbe infatti avere capacità di interferire con il sistema endocrino umano, alterando anche lo sviluppo ormonale. 

Roghi tossici, dopo la bonifica al campo nomadi Candoni arriva la vigilanza h24
 


Ma all'estero non è così: per questo il rischio che scatole a buon mercato possano contenere traccia di Bisfenolo. In particolare, i cartoni per la pizza da asporto. Secondo le analisi svolte da Il Salvagente si trovano tracce di Bisfenolo A su 2 cartoni su 3, in percentuali superiori a quelle consentite. Ma, soprattutto, cosa ancora più grave è stato dimostrato che il BPA, grazie alle alte temperature delle pizze, riusciva a trasmigrare dal cartone all'alimento stesso. E quindi al nostro corpo. Nello studio de Il Salvagente sono stati provati tre cartoni prodotti da tre aziende differenti, una italiana e due estere: nei cartoni delle fabbriche straniere è stato rilevato il BPA. Non però in quello nostrano: grazie a un decreto ministeriale infatti, il Bisfenolo A è tassativamente vietato.

Venerdì 22 Marzo 2019, 11:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it