LA RICERCA
Il cane elisir di lunga vita, per gli scienziati riduce il rischio malattie
L'inaugurazione della nuova area cani del Parco Sempione

Il cane come elisir di lunga vita. A dirlo e certificarlo sono gli scienziati svedesi, dopo aver scoperto che i proprietari di cani sono meno a rischio di morte per malattie cardiovascolari o altre cause. Lo studio ha esaminato i dati di 3,4 milioni di svedesi. Il team ha analizzato i registri nazionali relativi a persone tra i 40 e gli 80 anni, confrontali con i dati sui proprietari dei cani, con dati dal 2001 al 2012. In questo modo i ricercatori hanno scoperto il rischio ridotto di malattie cardiovascolari nei proprietari di cani, in particolare in chi ha cuccioli di razze da caccia. Ma in che modo i quattrozampe proteggono la salute delle persone? Se possedere un cane favorisce l'attività fisica, i ricercatori ammettono che potrebbe essere valido anche il contrario: le persone attive sarebbero così più inclini a scegliere di dividere la vita con un cane.

Ma l'effetto protettivo del pet potrebbe essere legato anche al fatto di favorire il contatto sociale, tra passeggiatine e chiacchierate al parco, o il benessere dei proprietari con coccole e feste. E si sospetta che un ruolo possa essere giocato anche dal microbioma (microrganismi nell'intestino): avere un cane potrebbe modificare, in senso benefico, il microbioma batterico del proprietario. Insomma, le ipotesi sono numerose, ma il link con la salute è certificato dai dati, e l'effetto sarebbe particolarmente benefico nelle persone che vivono da sole. «I risultati mostrano che i proprietari di cani che vivono soli hanno una riduzione del rischio di morte del 33% e una riduzione del rischio di attacco cardiaco dell'11%» rispetto a chi non ha pet, spiega Mwenya Mubanga dell'Università di Uppsala, primo autore dello studio. Le persone che vivono da sole erano già risultate a maggior rischio di morte cardiovascolare, in base ad altre ricerche. 

Tove Fall, autore senior dello studio, ammette che la ricerca presenta dei limiti: «Questo tipo di studi epidemiologici esamina associazioni in grandi popolazioni ma non risponde su se e in che modo i cani potrebbero proteggere dalle malattie cardiovascolari. Potrebbero esserci differenze tra proprietari e non proprietari già prima di prendere un cane, che potrebbero aver influito sui nostri risultati. Ad esempio, il fatto che le persone che scelgono di adottare un cane tendono ad essere più attive e magari più in salute» dice alla Bbc online. 

Sabato 18 Novembre 2017, 16:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DIVENTA FAN DEL GAZZETTINO
staibene.it